Excel : Calcolare la durata temporale tra due orari

In questo tutorial affrontiamo la seguente casistica:

  • Abbiamo a disposizione un orario di inizio e un orario di fine espressi con un numero da 6 cifre
  • I due orari ricadono all’interno della stessa giornata
  • Vogliamo calcolare la durata tra i due orari espressa in minuti

 

Inseriamo gli orari di inizio e fine in un foglio Excel. La versione utilizzata per il tutorial è la 2016.

 

 

Legenda colonne:

  • ORARIO INIZ : Orario iniziale espresso con un numero da 6 cifre (Es: 2000 corrisponde a 00:20:00, 52000 a 5:20:00). Formato cella ; NUMERO
  • ORARIO FIN : Orario finale espresso con un numero da 6 cifre (Valgono le stesse considerazioni fatte per ORARIO INIZ)

 

Creo ora due colonne (formato TESTO) per contenere l’orario iniziale e finale con gli zeri non significativi davanti (LEADING ZERO). Questa trasformazione occorre per avere un orario formato da un numero di caratteri fisso, cioè 6.

 

Considerando la sola riga 2 (poi basta fare copia ed incolla della celle con le formule sulla riga 3 per ottenere lo stesso effetto) , otteniamo le seguenti colonne con le formule indicate:

  • LEADING ZERO INIZ
    TESTO(A2;"000000")

     

  • LEADING ZERO FIN

    TESTO(B2;"000000")

     

 

A questo punto per calcolare le durate temporali tra ORARIO INIZ e ORARIO FIN in secondi e in minuti utilizziamo le seguenti formule:

  • DURATA IN SECONDI

    (STRINGA.ESTRAI(D2;1;2) * 3600 + (STRINGA.ESTRAI(D2;3;2) * 60) + STRINGA.ESTRAI(D2;5;2)) - (STRINGA.ESTRAI(C2;1;2) * 3600 + (STRINGA.ESTRAI(C2;3;2) * 60) + STRINGA.ESTRAI(C2;5;2))

     

  • DURATA IN MINUTI
    E2/60

     

 

La funzione STRINGA.ESTRAI moltiplica per 3600 (secondi in un ora) la parte di testo relativa alle ore, moltiplica per 60 (secondi in un minuto) la parte di testo relativa ai minuti e legge così come sono i secondi nella parte di testo relativa ai secondi. Sostanzialmente ogni orario viene trasformato in “numero di secondi relativi alla mezzanotte”.

La colonna DURATA IN SECONDI ha un formato numerico con 0 decimali, mentre la colonna DURATA IN MINUTI ha un formato numerico con 2 decimali.
Come puoi vedere, le durate temporali in secondi e in minuti sono corrette.

 

Questo metodo, dal momento che prende come riferimento la mezzanotte (trasforma ogni orario come secondi a partire dalla mezzanotte) è applicabile per calcolare la differenza tra due orari che cadono all’interno della stessa giornata.

 

Ti va di condividermi?

Post Author: Webmaster

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *